Notizie

Inaugurazione Argol Quarantine Packing Center per l’Australia

Lo scorso 13 dicembre il Gruppo Argol Villanova ha inaugurato, presso il sito di Guasticce, il centro  dedicato all’imballo per il materiale destinato all’Australia.

L’idea di realizzare questo centro, denominato Quarantine Packing Center (QPC), nasce dall’aumento dei volumi di materiale destinato al continente australe, caratterizzato da particolari leggi per l’importazione, molto restrittive.
L’Australia, infatti, essendo un continente posto a notevole distanza da altre terre emerse, è caratterizzato da una flora ed una fauna uniche e particolarmente delicate. Per questo motivo il governo australiano si è dotato di un servizio di ispezione per materiali importati (AQIS) che controlla tutti gli imballi in arrivo nei porti ed aeroporti. Gli imballi possono essere sdoganati se e solo se privi di contaminanti di origine animale, vegetale oppure  terriccio.
In caso venga riscontrata la presenza di uno dei contaminanti sopra indicati, gli imballi vengono bloccati e sottoposti a trattamenti fitosanitari o respinti al mittente. In entrambi i casi i costi generati possono risultare particolarmente elevati.
Anticipando le esigenze dei suoi clienti, Argol ha quindi predisposto un’area in cui realizzare gli imballi con le caratteristiche richieste da AQIS.
L’area è stata predisposta individuando una superficie che avesse caratteristiche coerenti con le specifiche AQIS, preparata con specifici trattamenti chimici, oltre che dotata di specifiche trappole per roditori e animali striscianti.

Il capannone è stato dotato di tappeti per pulizia calzature agli ingressi pedonali, sigillati eventuali fori o fessure che avrebbero potuto permettere l’ingresso o la nidificazione di insetti o piccoli animali.
Nell’area esterna anche le reti di recinzione sono state sigillate con fogli di alluminio per limitare la possibilità di intrusione da parte di insetti o altri animali di piccole dimensioni.

Specifica attenzione è stata posta da Argol alla formazione del personale addetto, svolta anche attraverso bacheche che raccolgono le principali documentazioni di sicurezza e di quarantena.

Questa formazione ha permesso di istruire tutti gli operatori circa le norme di comportamento da tenersi  all’interno dell’area,  circa le procedure relative al trattamento del materiale e alle verifiche di processo necessarie.
Realizzando questa area Argol ha voluto investire sui processi di spedizione verso il mercato Australiano, che si preannuncia in forte espansione, soprattutto nel mondo dell’Oil&Gas.